titolo
Autotrasporti Guerriero
SINDACATI  -  COLDIRETTI
Coldiretti; Stop ai cibi anonimi Adesione alla Petizione da Salvini e Di Maio
22 OTTOBRE 2018 - Ore 17:30

A rischio “fake” nel carrello della spesa un prodotto alimentare su quattro che non riporta obbligatoriamente l’origine in etichetta, dai salumi alle marmellate, dai ragù ai sottoli, dal succo di frutta al pane fino al latte in polvere per bambini. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti presentata in occasione del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio dove è stata presentata con il Commissario Europeo alla Salute Vytenis Andriukaitis la petizione europea “Eat original! Unmask your food” (Mangia originale, smaschera il tuo cibo) per chiedere alla Commissione di Bruxelles di agire sul fronte della trasparenza e dell’informazione al consumatore sulla provenienza di quello che mangia. “In un momento difficile per l’economia dobbiamo portare sul mercato il valore aggiunto della trasparenza con l’obbligo di indicare in etichetta l’origine di tutti gli alimenti” ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che “oltre quattro italiani su dieci (42%) sono disponibili a pagare oltre il 10% in più pur di avere garantita l’origine Made in Italy del prodotto dal campo alla tavola secondo l’indagine Coldiretti/Ixe’”. Un’iniziativa autorizzata dalla stessa Commissione con la Decisione (UE) 2018/1304 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea L 244 del 28 Settembre 2018 a firma del vice presidente Franz Timmermans e che gode del sostegno di numerose organizzazioni e sindacati di rappresentanza al fianco della Coldiretti: dalla Fnsea (il maggior sindacato agricolo francese) alla Ocu (la più grande associazione di consumatori spagnola), da Solidarnosc (storico e importante sindacato polacco) alla Upa (l’Unione dei piccoli agricoltori in Spagna), da Slow Food a Fondazione Univerde a Gaia (associazione degli agricoltori greci). Alla petizioni hanno già aderito tra gli altri il Vicepremier e Ministro degli Interni Matteo Salvini, il Vicepremier e Ministro del Lavoro Luigi di Maio e il Ministro delle Politiche Agricole e del Turismo Gian Marco Centinaio. Di fronte all’atteggiamento incerto e contradditorio dell’Unione Europea che obbliga a indicare l’origine in etichetta per le uova ma non per gli ovoprodotti, per la carne fresca ma non per i salumi, per la frutta fresca ma non per i succhi e le marmellate, per il miele ma non per lo zucchero nasce – spiega la Coldiretti – un fronte europeo per la trasparenza in etichetta con la raccolta di un milione di firme in almeno 7 Paesi dell’Unione. L’obiettivo è dare la possibilità a livello europeo di estendere l’obbligo di indicare l’origine in etichetta a tutti gli alimenti dopo che l’Italia, affiancata anche da Francia, Portogallo, Grecia, Finlandia, Lituania, Romania e Spagna, ha già adottato decreti nazionali per disciplinarlo in alcuni prodotti come latte e derivati, grano nella pasta e riso. Una scelta che – evidenzia la Coldiretti – rafforza la richiesta dei cittadini alla Commissione Europea perché imponga “dichiarazioni di origine obbligatorie per tutti i prodotti alimentari al fine di prevenire le frodi, proteggere la salute pubblica e garantire il diritto all'informazione dei consumatori”. Nello specifico – sottolinea la Coldiretti - questa proposta d'iniziativa dei cittadini si prefigge di rendere obbligatoria l'indicazione del paese di origine per tutti gli alimenti trasformati e non trasformati in circolazione nell'UE, senza deroghe per i marchi registrati e le indicazioni geografiche e per quanto attiene agli alimenti trasformati, l'etichettatura di origine deve essere resa obbligatoria per gli ingredienti principali se hanno un’origine diversa dal prodotto finale. La petizione chiede infine di migliorare la coerenza delle etichette, inserendo informazioni comuni nell’intera Unione circa la produzione e i metodi di trasformazione, al fine di garantire la trasparenza in tutta la catena alimentare. Un obiettivo condiviso dalla maggioranza dei consumatori europei e dall’82% di quelli italiani che ritiene necessario superare l’atteggiamento incerto e contradditorio dell’Unione Europea sull’origine del cibo per contrastare un fenomeno, quello dei falsi e dei tarocchi, che solo all’Italia costa oltre 100 miliardi di euro all’anno nel mondo. L’obbligo di indicare l’origine è una battaglia storica della Coldiretti che, con la raccolta di un milione di firme alla legge di iniziativa popolare, ha portato all’approvazione della legge n.204 del 3 agosto 2004. L’Italia è all’avanguardia in Europa grazie al pressing della Coldiretti che ha fatto scattare anche l’obbligo di indicare in etichetta l’origine per pelati, polpe, concentrato e degli altri derivati del pomodoro grazie alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale 47 del 26 febbraio 2018, del decreto interministeriale per l’origine obbligatoria sui prodotti come conserve e salse, oltre al concentrato e ai sughi, che siano composti almeno per il 50% da derivati del pomodoro. Il 13 febbraio 2018 era entrato in vigore l’obbligo di indicare in etichetta l’origine del grano per la pasta e del riso, ma prima c’erano stati già diversi traguardi raggiunti: il 19 aprile 2017 è scattato l’obbligo di indicare il Paese di mungitura per latte e derivati dopo che il 7 giugno 2005 era entrato già in vigore per il latte fresco e il 17 ottobre 2005 l’obbligo di etichetta per il pollo Made in Italy mentre, a partire dal 1° gennaio 2008, vigeva l’obbligo di etichettatura di origine per la passata di pomodoro. A livello comunitario – conclude la Coldiretti – il percorso di trasparenza è iniziato dalla carne bovina dopo l’emergenza mucca pazza nel 2002, mentre dal 2003 è d’obbligo indicare varietà, qualità e provenienza nell’ortofrutta fresca. Dal primo gennaio 2004 c’è il codice di identificazione per le uova e, a partire dal primo agosto 2004, l’obbligo di indicare in etichetta il Paese di origine in cui il miele è stato raccolto, mentre la Commissione Europea ha recentemente specificato che l’indicazione dell’origine è obbligatoria anche su funghi e tartufi spontanei.

 

L’ETICHETTA DI ORIGINE SULLA SPESA DEGLI ITALIANI

Cibi con l’indicazione origine                      E quelli senza

Carne di pollo e derivati                                  Salumi

Carne bovina                                                 Carne di coniglio

Frutta e verdura fresche                                 Carne trasformata

Uova                                                             Marmellate, succhi di frutta, ecc

Miele                                                             Fagioli, lenticchie, piselli in scatola, ecc.

Extravergine di oliva                                       Pane

Pesce Derivati del pomodoro e sughi pronti (*) Insalate in busta (IV° gamma), sottoli

Latte/Formaggi (*)                                          Frutta e verdura essiccata

Pasta (*)

Riso (*)

Tartufi e Funghi spontanei

(*) grazie a norme nazionali

Fonte: Elaborazioni Coldiretti.



Comunicato - Napoli - 22 OTTOBRE 2018 - Ore 17:30






NEWS SINDACATI

PSR Campania; "Dossier" per De Luca E' un disastro Basta promesse; Coldiretti
SINDACATI  -  COLDIRETTI
A distanza di oltre 8 mesi dalla loro presentazione risultano incagliate due misure chiave del PSR - Piano di

LEGGI NOTIZIA
Alto Calore; Malcelati disegni di svendita Simeone; UIL attacca la politica
SINDACATI  -  UIL
"Dopo l’incontro in provincia complicato, a tratti duro e difficile da definire nella prospettiva, ci si

LEGGI NOTIZIA
"Autonomia differenziata o secessione" Convegno al "Borbonico" Fiordellisi CGIL
SINDACATI  -  CGIL
Avellino. "L'attuazione del titolo V della Costituzione deve essere fatta in maniera trasparente,

LEGGI NOTIZIA
Coldiretti; ”Agricoltori del tabacco” Accordo tra la P.M. - ed il M.i.P.A.A.F.T.
SINDACATI  -  COLDIRETTI
”Un accordo importante per garantire stabilità e futuro al lavoro degli agricoltori impegnati in una

LEGGI NOTIZIA
F.E.S.R. Dall'Europa arrivano miliardi Ora tocca a Regione e Provincia; UIL
SINDACATI  -  UIL
“Il prossimo ciclo di programmazione (2021-2027) dei finanziamenti Fesr (Fondo europeo per lo sviluppo

LEGGI NOTIZIA
Sai Cisal; Insediato il Direttivo provinciale Discussione su emergenza abitativa
SINDACATI  - 
Avellino. Si è tenuta la riunione di insediamento del direttivo provinciale della Sai Cisal, il sindacato

LEGGI NOTIZIA
Cisl Irpinia-Sannio; “Donne Multitasking; Una risorsa nel mondo del lavoro
SINDACATI  -  CISL
Avellino. Si terrà Mercoledì 27 Marzo alle 16,30 presso la CISL Irpinia-Sannio in via Circumvallazione

LEGGI NOTIZIA
UltimeNews


Foto
Regione; Universiade Organizzazione Occupazione Cultura Addizione della Palmeri
ENTI  -  REGIONE CAMPANIA
Napoli. "Università + Universalità = Universiade 2019 in Campania". La "addizione" dell'Assessore al Lavoro ed alle Risorse Umane della Regione Campania, Sonia Palmeri che "spiega": "Tutti i territori sono interessati a questo eccezionale

LEGGI NOTIZIA

Foto
Voto Ariano I.; Unità del centrosinistra è occasione e "laboratorio"; Franza
COMUNI  -  ARIANO IRPINO
Ariano Irpino. "Colgo l'appello del consigliere dottor Carmine Grasso che, sulla base dell'unità ritrovata nel campo del centrosinistra ad Ariano Irpino, invita quanti tra coloro si riconoscono nei valori delle forze progressiste ad unirsi per rappresentare una valida

LEGGI NOTIZIA

Foto
Carabinieri; Non comunica il trasferimento dell'arma in altro domicilio Denuncia
CRONACA  - 
I Carabinieri della stazione di Vallata, nell’ambito dei servizi finalizzati al controllo del rispetto della normativa in materia di armi e munizioni ai sensi del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, hanno deferito, un uomo, alla competente Autorità Giudiziaria. Nello

LEGGI NOTIZIA

Foto
Carabinieri; Durante un inseguimento lancia, dal finestrino, borsa con droga
CRONACA  - 
Detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti: è questa l’accusa di cui dovrà rispondere un uomo di Montoro sorpreso in possesso di hashish e marijuana. Continua incessante l’opera di prevenzione e repressione in ordine al contrasto di attività

LEGGI NOTIZIA

Foto
Carabinieri; Violazioni in materia ambientale Denuncia del gruppo Forestale
CRONACA  - 
Permane alta in Irpinia l’attenzione dei Carabinieri del Gruppo Forestale nella pianificazione ed attuazione dei servizi finalizzati anche all’accertamento di violazioni connesse alla tutela dell’ambiente e della salute pubblica e, in particolare, alla gestione illecita di

LEGGI NOTIZIA