1

Non sto con Del Basso De Caro Io, Open e Radici, siamo autonomi De Blasio, PD

"Non sto con Del Basso De Caro. Noi, Openirpinia e Radici Democratiche stiamo per conto nostro. Nel campo renziano ma autonomi in Irpinia". Le parole di Carmine De Blasio, ex Segretario del PD (dimessosi il 18 Gennaio del 2016) che ha aggiunto "con le nostre 700 tessere, 400 Openirpinia e 300 Redici Democratiche, arriviamo al 10%" "rivolteci" a seguito del "pezzo" di analisi politica "Congresso PD; Festa "favorito" di UDBDC? "Mina" per il sodalizio Open-Radici". Pur riconoscendo all'ex numero uno del PD irpino, quanto ci ha detto, ossia che da parte sua non era necessaria una smentita immediata ma eventualmente di "addolcire" noi, poi, preferiamo per correttezza pubblicare questa "precisazione" perchè il nostro era solo un ragionamento politico a seguito di voci raccolte anche nello stesso campo di appartenenza dell'ex Segretario. Dire ora che non si è con Umberto Del Basso De Caro, beh, è francamente difficile da far capire al proprio elettorato o tesserati di riferimento (la foto nel PDF a piè di pagina è eloquente a "nostro favore"; possiamo fare tutte le distinzioni giuridico-filosofiche che si vuole ma non cambia il nostro essere nel giusto). Riconosciamo, ma perchè noi di cinquerighe.it lo abbiamo scritto in passato, ovvero che De Blasio non si riconosceva negli ideali socialisti di Del Basso De Caro e comunque in quell'alveo, vero è che lo stesso solo a chiusura della campagna referendaria che portava al 4 Dicembre 2016 ha tenuto due incontri con il Sottosegretario alle Infrastrutture, ad Altavilla Irpina e proprio a Manocalzati, il suo paese (incontro a conclusione della "campagna"). Noi vogliamo però chiedere: Questi due ultimi incontri potevano essere giornalisticamente e politicamente intesi come un avvicinamento al sannita? Gli inteventi fatti dalle due associazioni, anche "autonomi" questo va detto, hanno avuto, però, quale interlocutore principale Del Basso De Caro, a partire, per quanto riguarda Radici Democratiche, di Chiara Maffei, area socialista, dalla Estate del 2016, se non prima. La Maffei ha ribadito più di una volta con noi di cinquerighe e su altre testate che nel PD c'è bisogno della cultura socialista (questo in buona sostanza e basta anche "girare" nell'etere per trovare dichiarazioni in tal senso) ed una volta in particolare (Dicembre 2016) ci dichiarò: "Dopo il ruolo di capo della segreteria del PD, ruolo che mi imponeva una certa diplomazia, finalmente torno a fare quello che mi piace e faccio da quando era una giovane donna, ovvero politica e seguirò il mio percorso. Chi ci sta, bene, altrimenti, le strade si separeranno, non ho nessun problema. L'amicizia è un conto (riferita ai rapporti creatisi all'interrno della segreteria De Blasio), la politica è un'altra cosa. Una passione"; le parole della ex leader del PSI irpino. Abbiamo avuto diverse dichiarazioni e anche da diversi soggetti e tutte in tal senso. La "precisazione" di non appartenenza all'area di Del Basso De Caro, deve essere "letta" come una notizia, una "primizia" e noi lo consideriamo un "regalo" al nostro giornale. Noi non amiamo le smentite e non le abbiamo mai avute. "Tecnicamente" quella di De Blasio (che ha anche detto di non escludere nulla quindi di fatto dando ragione al nostro pezzo "incriminato"), di cui sopra, non lo è, come lo stesso ci ha tenuto a precisare ma è a noi del giornale cinquerighe.it che non piace ci possano essere equivoci. Quanto all'altra associazione, openirpinia, più volte ad un paio di esponenti abbiamo chiesto delle dichiarazioni ma non le abbiamo mai avute. Noi siamo corretti con tutti, non abbiamo "padroni", se poi cambiano idee a nostra insaputa, a noi non cambia nulla ma se le cambiamo ad insaputa l'uno dell'altra, tra di loro, è un problema loro. Cerchiamo di fare giornalismo politico, dialogando (non usiamo il presuntuoso verbo, intervistare) "leggendo tra le righe ed interpretando" ma mai inventando.


- fero - Avellino - Data 13/03/2017 - Ora 21:51
1

Notizie Correlate
Congresso PD; Festa "favorito" di UDBDC? "Mina" per il sodalizio Open-Radici
Congresso PD; Si teme Festa? In gioco il candidato Sindaco e "poltrone romane"